Sistemi di Gestione e Certificazioni
risk management


Il Contesto:
Il termine “risk management” risale alla metà degli anni ’50, ma mai come negli ultimi dieci anni è stato ampiamente utilizzato da imprese, organizzazioni e istituzioni ed è divenuto recentemente un argomento di enorme interesse. Le ragioni sono le più varie, dalle necessità, purtroppo critiche, nella gestione dei rischi finanziari, alle riflessioni consapevoli sui rischi di catastrofi e sulle relative conseguenze; dal problema della responsabilità legale al crescente interesse sui rischi riguardanti i fenomeni sociali, come la disabilità, la salute e il pensionamento; fino alle riflessioni sugli investimenti produttivi e sui rendimenti.
Il Risk Management sta dunque acquisendo un’importanza rilevante in ogni analisi di business, anche alla luce dei recenti fallimenti di imprese quotate, non solo per il management ma anche per gli organi di controllo dei mercati finanziari, al punto da essere considerato “uno dei tratti qualificanti dei sistemi di corporate governance adottati dalle imprese” (Beretta, 2004). Le sollecitazioni che hanno portato a considerare in modo approfondito questa disciplina sono principalmente tre:· la crescente incertezza nel sistema economico attuale,· le implicazioni del cambiamento sul business model aziendale,· le modifiche del rapporto tra stakeholders e management aziendale.L’accelerazione economica guidata dalle ICT ha provocato un aumento dell’incertezza del sistema economico. Lo scenario attuale ha delle componenti sempre più interconnesse e sono emersi nuovi fattori di rischio, sconosciuti in passato. Il risk management si presenta come uno strumento a disposizione del management per la gestione efficiente ed efficace dell’impresa nel nuovo contesto economico e per soddisfare, allo stesso tempo, le crescenti attese degli investitori, in termini di rendimento e di trasparenza.
La gestione del rischio (risk management) è il processo mediante il quale si misura o si stima il rischio e successivamente si sviluppano delle strategie per governarlo (governance).
Si occupano di gestione del rischio sia le grandi imprese o le organizzazioni pubbliche (che hanno dei team appositi dedicati alla identificazione, analisi e valutazione dei rischi), sia le PMI (che invece approcciano informalmente alla gestione del rischio), sia le persone (che inconsciamente lo valutano quotidianamente e decidono di conseguenza).

Parlare di "Corporate Governance" significa quindi riferirsi all'insieme delle regole che disciplinano la gestione dell'impresa, il sistema delle relazioni tra i vari attori coinvolti (stakeholder) e gli obiettivi per cui l'impresa è amministrata.
Poiché nel “fare impresa” è naturalmente insito il concetto di “rischio”, la governance comprende anche le logiche di risk management applicate ai diversi aspetti caratterizzanti la gestione aziendale (processi, competitività e presenza sul mercato, safety, security, tutela ambientale, prevenzione reati societari, gestione del personale, sostenibilità finanziaria, etc.).


Il Servizio QxC per il Risk Management

Qualità X Competere, grazie all’integrazione di professionalità diverse con spiccate competenze ed abilità in consulenza direzionale, riesce a supportare le Organizzazioni-Clienti con un servizio in grado di agire  autonomamente e in modo integrato sulle principali leve del  Risk Management e della capacità di governo delle strategie aziendali, “Governance”, ossia :
- Analisi del contesto esterno ed interno
- Mappatura dei processi collegati ai fattori chiave di successo con i relativi  rischi
- Impostazione di metodologie di governo basate su:
* Iso 9001 - approccio per processi;
* Iso 10014: Gestione qualità-linea guida per realizzare benefici finanziari ed economici (come i processi aziendali riescono a tradurre le strategie in risultati di business),
* ISO 31000: Risk management
- principi e linee generali di indirizzo.




copyright 2011© Qualità x Competere s.n.c. - communication design: www.thotperugia.com - web developer: www.ictstudio.it